Cerca
Close this search box.

Anziani “vulnerabili”, cosa fare per rimanere nel mercato di maggior tutela

Cosa deve fare un anziano ultra75enne che è servito nel mercato tutelato e vuole restarci? Secondo le indicazioni di Arera, non deve fare proprio nulla. Se il fornitore non riceve indicazioni diverse dal proprio cliente, continua ad applicare le tariffe che applicava prima, seguendo le regole dettate appunto dalla maggior tutela. Eppure, come ci segnalano molti diretti interessati, sembra che più di qualche azienda non si stia comportando in modo corretto e che pretenda una sorta di comunicazione o di autocertificazione da parte dell’over 75 che non intende entrare nel “libero”. Allora è forse il caso di tornare sull’argomento e di fare ancora chiarezza, per evitare brutte sorprese.

Gli anziani con più di 75 anni d’età (ovvero quelli che compiono dai 76 anni in su nell’anno in corso) potranno continuare a beneficiare dei prezzi di energia e metano fissati dallo Stato (tramite ARERA) anche dopo il superamento della maggior tutela, che è avvenuto il 10 gennaio 2024 per il gas e si concretizzerà l’1° aprile 2024 per l’energia elettrica.

Per loro, il Mercato Tutelato non finisce in quanto gli over 75 rientrano nella categoria dei clienti “vulnerabili”: si tratta di una “fetta” di cittadini (circa 4,5 milioni) considerati “fragili” a cui il governo intende prestare particolare attenzione. Sono considerati “vulnerabili” i clienti domestici che, alternativamente:

  • hanno un’età superiore ai 75 anni;
  • sono soggetti con disabilità ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92;
  • si trovano in condizioni economicamente svantaggiate (come i percettori di bonus luce e gas);
  • versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche alimentate dall’energia elettrica (oppure presso i quali sono presenti persone in tali condizioni);
  • hanno un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
  • hanno un’utenza in un’isola minore non interconnessa.

Gli over 75 che non scelgono un fornitore nel Mercato Libero a gennaio 2024 resteranno automaticamente in Maggior Tutela.

Come spiegano da Arera, infatti, “nel caso di clienti di gas naturale vulnerabili forniti nel servizio di tutela, da gennaio 2024 il venditore continuerà ad erogare la fornitura con il servizio di tutela della vulnerabilità, alle condizioni economiche previste per il servizio di tutela gas definite dall’Autorità e con le condizioni contrattuali dell’offerta PLACET di gas naturale (ad eccezione della modalità di ricezione della bolletta, che sarà uguale a quella già in uso da parte del cliente nell’ambito del servizio di tutela)”.

Anche per la fornitura dell’elettricità, ARERA precisa che “i clienti domestici vulnerabili forniti nel servizio di maggior tutela continueranno ad essere serviti, anche successivamente al 1° aprile 2024, nel Servizio di Maggior Tutela”.

Ovviamente anche gli anziani over 75, come tutti i clienti domestici, possono in qualsiasi momento decidere di dire “addio” al Mercato Tutelato e, di conseguenza, scegliere un contratto del Mercato Libero dell’energia elettrica e del gas.

4 risposte

  1. Vorrei fosse precisato cosa devono farei i vulnerabili, che sono divenuti tali dopo che sono entrati nel mercato libero e vogliono essere inseriti nel tutelato.

    1. Salve signor Gianpietro, spero possa tornarle utile questo testo che può trovare qui https://luce-gas.it/guida/glossario/clienti-vulnerabili e che mi sembra molto chiaro e utile.

      Se un cliente rientra nei criteri di vulnerabilità per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica o gas naturale, ma questo status non gli è stato riconosciuto dal fornitore, può presentare un modulo di autocertificazione, indicando che soddisfi almeno uno dei criteri di vulnerabilità che abbiamo visto nel paragrafo precedente.

      A partire da settembre 2023, i fornitori hanno messo a disposizione il modulo di autocertificazione a tutti i clienti nel regime di maggior tutela. D’altro canto, se hai da poco ottenuto i requisiti di cliente vulnerabile, è importante informare il tuo fornitore su eventuali aggiornamenti di questo tipo.

      Dal link che le ho indicato può anche scaricare i moduli di autocertificazione.

      SE dovesse avere altri dubbi o domande può contattarci allo 041-5349637 (dal lunedì al venerdì 9-13 e 15-19).
      Buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  2. Mi complimento con la persona che ha scritto la comunicazione, chiara e puntualmente, come di rado succede.

    1. Grazie davvero signor Silvano!!!, spero veramente le sia stata utile (a lei come ad altre persone ovviamente). Ci tenevo a scriverla perché tante persone ci chiedevano lumi su questa faccenda sono contento di aver scritto l’articolo in modo chiaro.
      Grazie ancora e buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.