Cerca
Close this search box.

LE COMPAGNIE TELEFONICHE ANNUNCIANO PER SETTEMBRE L’IMPENNATE DELLE TARIFFE. GAROFOLINI: “QUESTA NON E’ VERA CONCORRENZA”

Aumenti, aumenti e ancora aumenti. Per i cittadini italiani che hanno un telefonino e/o una linea internet (praticamente tutti) le prossime settimane sono foriere di cattive notizie.  Le principali compagnie, infatti, stanno comunicando in questi giorni variazioni nelle condizioni contrattuali, naturalmente tutte votate a una crescita delle tariffe. Un esempio ? La Tim. La quale, dopo aver ricordato con orgoglio che dall’ 1 giugno di quest’anno le offerte attivate fra il 31 dicembre 2017 e il 31 maggio 2018 hanno contemplato una diminuzione dei prezzi dello 0,1% (sic!), ora annuncia, a partire dall’ 1 settembre, aumenti tariffari nelle offerte “Tuttofibra”, “Linea Tuttocompreso Premium” e linea “Alice tutto incluso”. L’abbonamento mensile per tali contratti crescerà di 6 euro al mese, un incremento a dir poco spropositato. Vodafone, da parte sua, spiega tramite lunghi e caotici sms che dal 3 agosto “la tua offerta costerà 1,99 euro in più al mese”. Con ogni probabilità, tutte le compagnie hanno in programma questi cambi il che rende inutile anche l’unica chance pro-utenti: cambiare operatore in modo gratuito quando si concretizza una modifica unilaterale delle condizioni contrattuali. “Il ritorno dalle vacanze – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – oltre a prevedere le solite mazzate come per esempio l’ acquisto dei libri scolastici, riserva anche questa sgradevole novità. Ma sappiamo che le aziende telefoniche non si fanno scrupoli in questo senso, come quando hanno portato la fatturazione da un mese a 28 giorni, e poi, pressati dall’autorità, sono tornati alla fatturazione mensile ma con un aumento delle tariffe. Ora tutti, all’incirca nello stesso periodo,  annunciano incrementi delle tariffe di ogni genere. A noi sembra che questa non sia vera concorrenza, ma non possiamo neanche intervenire, come ci chiedono tanti utenti, perché siamo in un libero mercato e ogni azienda può fare ciò che vuole. Il nostro intervento può avvenire solo di fronte a palesi cartelli, come quelli che hanno caratterizzato la fatturazione a 28 giorni e il successivo aumento dei prezzi. Però siamo pronti a segnalare e a condannare questi comportamenti e a promuovere invece le compagnie che si mostrano più virtuose”.

6 Responses

  1. Grazie per …………..l’orribile annuncio.Io sono da
    diversi anni con Wind-Infostrada; mi auguro che mi sia
    mantenuto il corrente contratto.

    1. Salve, glielo auguro ma il nostro timore è che da settembre tutte le compagnie telefoniche ritoccheranno all’insù le tariffe. Speriamo di no…
      Gianluca Codognato
      ufficio stampa Adico

  2. E Illiad che ha appena scritto “6,99 per SEMPRE”? Cosa faranno? Rispetteranno la loro promozione o faranno…gli “italiani” anche loro?
    Ciao!
    Carlo

    1. Salve, “il per sempre” è molto equivoco nel campo delle forniture. Può essere però che quella tariffa venga comunque mantenuta per un po’ di tempo e che non ci siano aumenti a settembre.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  3. Ciao! Ho la tariffa “250 minuti più” di Vodafone che costava (per sempre mi aveva detto il commerciale…a voce a suo tempo) 3 euro mese per 250 minuti di sola voce e mi andava benissimo. A giugno me l’hanno aumentata a 3,60 ( + 20%!!!) ed ora mi annunciano che il 27 settembre ci sarà la… “rimodulazione” con aumento di 3,99 euro!!! La rimodulazione la chiamano loro??? Il FURTO lo chiamo io!!! E mi dicono che però mi daranno minuti illimitati! MA CHI LI VUOLE??? Siamo praticamente a 7 euro che è il prezzo delle tariffe in corso per tutti! Ma chi prendono per il c…??? FANNO PROPRIO QUELLO CHE VOGLIONO??? E le associazioni di consumatori non dicono nulla? Mi hanno detto che lo possono fare perché non c’è stato cartello tra i fornitori!!! Questa è la loro scappatoia legale? Che vergogna e che paese schifoso se si lasciano perpetrare simili truffe! Quindi un domani potrebbero anche aumentare di 10 euro di colpo per esempio e nessuno direbbe niente!!! Ditelo in giro e fatelo capire perché ormai il consumatore italiano è lobotomizzato e accetta qualsiasi fregatura!
    Ciao!
    Carlo

    1. Salve, non è vero che le associazioni non fanno nulla. Per esempio sulla questione della fatturazione a 28 giorni solo grazie all’intervento della associazioni si è risolto il problema. In quell’occasione abbiamo contestato anche il “cartello” e l’Antitrust sta indagando e ha minacciato una multa pari al 10% del fatturato aziendale. Purtroppo, però, nel libero mercato le aziende possono comunque decidere le tariffe da adottare fermo restando che di fronte a una loro decisione unilaterale l’utente può cambiare operatore senza costi. Non si può inoltre negare che in generale la liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni ha comunque abbassato i prezzi. Si ricorda, per esempio, quanto si spendeva inizialmente per inviare anche un semplice messaggio. Comunque grazie per la segnalazione e stia tranquillo che noi, per quanto possiamo, tuteliamo in tutto e per tutto il consumatore/utente.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. st. Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.