Cerca
Close this search box.

Bollette del gas quadruplicate per la scadenza dell’offerta, nel 2024 boom di segnalazioni all’Adico

Mestre. Dall’anziana con la pensione minima all’impiegata con tre figli, dal professionista che vive solo alla giovane coppia che ha appena acquistato casa. Non risparmia nessuno la stangata sulle bollette determinata dalla scadenza di offerte vantaggiose sostituite da tariffe molto più alte come testimonia il boom di utenti mestrini che si stanno rivolgendo all’Adico in questi giorni (una 15ina nelle ultime due settimane). Una situazione che si è materializzata in modo evidente già a fine dello scorso anno ma che ora sta emergendo in modo molto più chiaro (e per certi versi drammatico) con le esorbitanti bollette del gas in arrivo in questi giorni.

Stiamo parlando di fatture caratterizzate da importi generalmente quadruplicati rispetto all’inverno precedente con tariffe che, nella maggior parte dei casi seguiti, passano da circa 0,60 a 2,40 euro a metrocubo e utenti che denunciano bollette lievitate da 600 a 2.400 euro. Un vero e proprio salasso che per qualcuno – vedi l’anziana con la pensione minima – diventa insostenibile oltre che angosciante. Ma cosa sta succedendo.

Come spieghiamo in modo approfondito in questo articolo pubblicato nel nostro sito, la questione è abbastanza lineare. I tanti cittadini mestrini che si stanno rivolgendo a noi in questi giorni godevano di una offerta per luce e gas solitamente molto vantaggiosa e in certi casi siglata già dal 2021, prima della bolla inflazionistica. Le offerte – a differenza dei contratti che sono a tempo indeterminato – hanno una scadenza dopo la quale il fornitore può far scattare nuove tariffe. Non si tratterebbe però di una variazione unilaterale non comunicata al diretto interessato, secondo quanto dicono i fornitori nelle repliche alle nostre diffide. Ma di un passaggio annunciato in forma scritta, come previsto dalle norme, qualche mese prima del termine dell’offerta. Il problema, però, è contenuto proprio nel concetto di “forma scritta”. Non essendoci l’obbligo di comunicazione tramite pec o raccomandata con ricevuta di ritorno, è impossibile dimostrare che l’azienda non abbia inviato il messaggio.  Infatti, sempre nelle loro repliche alle nostre singole contestazioni, i fornitori ci scrivono anche la data di invio della comunicazione stessa.

Diciamo subito che la maggior parte dei cittadini che godevano dell’offerta non ha vissuto brutte sorprese  avendo ricevuto l’avviso (spesso sia per lettera che via mail) della scadenza. A quel punto, infatti, quegli utenti hanno potuto contrattare nuovi prezzi o cambiare fornitore. Gli altri, come detto, si sono trovati con fatture quadruplicate ma in molti casi se ne sono accorti solo adesso, con le ultime bollette del gas che in questo periodo sono sempre le più alte dell’anno.   

“Il problema è proprio questo – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – l’azienda non ha alcun obbligo di inviare la comunicazione con raccomandata o con una pec, che sono le due uniche modalità (assieme al fax) con le quali è possibile dimostrare o meno di aver ricevuto la lettera. Quest’obbligo non esiste ed è, secondo Adico, una cosa inammissibile che deve essere aggiustata il prima possibile a livello normativo. Ci chiediamo altresì perché il fornitore, alla scadenza dell’offerta, applichi le tariffe più alte che ha (o fra quelle più alte) quando invece avrebbe molte altre promozioni da applicare. Infatti, appena un utente chiama per protestare, si sente proporre nuove, mirabolanti offerte che, se applicate subito, avrebbero evitato il salasso. Il problema vero è che i margini di contestazione per queste situazioni sono ridotti al minimo”

2 Responses

  1. Buongiorno, è quindi c’è un modo per far sì che le bollette arrivate alte si possano riaggiornare ai prezzi poi aggiornati ai nuovi contratti?

    1. Buonasera, stiamo combattendo una battaglia che ci auguriamo porti a qualche risultato utile. Puntiamo molto sull’esposizione mediatica e fortunatamente qualche canale nazionale (come RaiTre) pare interessato ad affrontare la questione. Segua il nostro sito perché vi teniamo aggiornati su tutte le evoluzioni della vicenda.
      Buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.