Cerca
Close this search box.

COMPRA UN DIVANO MA DIMENTICA LA SCRITTA “NON TRASFERIBILE” SULL’ASSEGNO: IMPIEGATO DI APRILIA MULTATO CON 6 MILA EURO

APRILIA (LATINA). Comprare un divano da 1.122 e doverne sborsare 6mila in più. Beh, può succedere anche questo nell’intricato mondo del credito, soprattutto quando le regole sono del tutto sproporzionate rispetto alle motivazioni che le hanno scaturite. Bruno C., 45 enne di Aprilia impiegato in una azienda informatica, è in realtà solo una delle tantissime vittime della legge antiriciclaggio che da luglio in Italia sta facendo una vera e propria strage di innocenti. Tutta colpa degli assegni in cui non è impressa la dicitura “non trasferibile”, ovvero di quei libretti vecchi, e non ritirati dalle banche!, di cui molti cittadini sono ancora in possesso. Bruno C., come tantissime altre persone seguite quasi tutte dall’Adico, associazione difesa consumatori con sede a Mestre (telefono 041-5349637, mail info@associazionedifesaconsumatori.it), ha effettuato un acquisto (in questo caso il divano) non ponendo sull’assegno la scritta “non trasferibile”. Un errore che da luglio si paga carissimo, come ha potuto provare nella sua pelle anche l’impiegato di Aprilia. La svista, infatti, contempla una multa di 6 mila euro, che altro non è se non l’oblazione, ovvero la richiesta di pagamento prima dell’emissione della sanzione vera e propria. In questo caso, come spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, “il nostro socio ha emesso l’assegno alla consegna del nuovo divano che pensava di poter pagare tramite bancomat.  Purtroppo l’operaio della consegna non disponeva di tale mezzo di pagamento e il nostro socio ha dunque utilizzato il vecchio blocchetto degli assegni ormai parcheggiato in un cassetto da più di 10 anni.  Gli uffici dell’antiriciclaggio, puntuali come un orologio svizzero, gli hanno inviato la sanzione di 6 mila euro nei confronti della quale faremo ricorso, come con tutte le altre persone che si sono rivolte a noi per lo stesso problema”. Il “caso” è ormai esploso a livello nazionale e se ne è discusso anche in diverse trasmissioni come Striscia la Notizia, Mi manda rai Tre, Tagadà. E stata anche aperta una apposita pagina facebook (Maxisanzioni per assegni non trasferibili) da uno dei sanzionati, Gianlugi Aquilini “Nella sanzione – continua Garofolini – sono incappati molti pensionati ma anche persone molto più giovani. In questi giorni l’Abi ha diffuso un vademecum apposito, proprio perché evidentemente si è resa conto del dramma in cui stanno cadendo molte famiglie. Ora chiediamo che tutte le sanzioni vengano cancellate”.

 

4 Responses

  1. Buon giorno anche a me e capitata la stessa cosa. Ho incassato un Assegno e mi hanno multato ieri mi e stato notificato la sansione. Domanda ma che centro io che mi sono pagato l’assegno? mi potete aiutare?

    1. Salve, purtroppo le norme antiriciclaggio sono alquanto fantasiose oltre che ingiuste. Certo che possiamo aiutarla ci contatti allo 041-5349637 (siamo aperti dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19). Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      ufficio stampa Adico

  2. Buongiorno, siamo uno studio di amministrazione, della provincia di Torino, al quale è successa la stessa cosa.
    Una condomina è passata dal nostro ufficio a pagare le spese condominiali e ha pagato con un vecchio assegno senza la dicitura”non trasferibile”. L’assegno in piccolo riporta la dicitura “non trasferibile” ma presi dalla fretta, non ci siamo soffermati sulle parole antecedenti, le quali riportavano la scritta spazio riservato alla clausola non trasferibile.
    Abbiamo versato l’assegno è ci hanno notificato la contestazione, la notifica è arrivata a mio marito, in qualità di amministratore in solido con il condominio.
    La signora che ci ha dato l’assegno, attraverso una nuova ci a fatto sapere che a lei non è arrivato nulla.
    Abbiamo fatto richiesta di udienza per spiegare che è stato un mero errore, anche tratti in inganno dalla dicitura sull’assegno, ma ci hanno detto che la sanzione sarà da pagare e quindi dovremmo pagare i 6 mila euro dell’oblazione per evitare probabili conseguenze alla figura di mio marito.
    Potete aiutarci?

    1. Salve, certo che possiamo aiutarvi, contattateci pure allo 041-5349637, siamo aperti dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.