Cerca
Close this search box.

DA OTTOBRE SCATTANO AUMENTI DI LUCE E GAS

Scattano giovedì prossimo, primo ottobre, i rincari di luce e gas. Per una famiglia-tipo la bolletta aumenterà del 3,4 per cento per l’elettricità, e del 2,4 per cento per il gas. Questa è la conseguenza delle nuove condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori per il quarto trimestre del 2015.
Le percentuali sono state comunicate dall’Autorità dell’energia, che ha anche sottolineato come, nonostante gli aumenti, “si confermano risparmi totali nel 2015 per oltre 60 euro”.
Nel complesso, però, negativo è il commento del Codacons: “Mentre le tariffe energetiche salgono, l’Italia detiene il record europeo per le tasse sull’energia – dice il presidente Carlo Rienzi – la pressione fiscale incide infatti sulle bollette per il 37 per cento (luce) e per il 34 per cento (gas). Situazione ben diversa in Europa, dove la tassazione media è del 32 per cento sull’elettricità e del 23 per cento sul gas. Le famiglie italiane – aggiunge – subiscono non solo una tassazione più alta rispetto alla media europea, ma anche tasse sull’energia in costante crescita”.
“Per tale motivo – è la conclusione di Rienzi – chiediamo oggi al Governo e all’Autorità per l’energia un incontro affinché, dopo l’annunciata riduzione delle tasse sulla casa, si introduca nella Legge di stabilità un taglio alla tassazione sulle bollette energetiche”.

4 Responses

  1. Beh, dov’è il problema se aumentano le bollette? Anzi!
    Dopo che, ritengo giustamente, per decenni avevamo stabilito che l’inflazione era un problema per le tasche delle famiglie, quest’anno abbiamo scoperto che è un problema se i prezzi diminuiscono …
    Andate a chiedere al mio conto corrente se è d’accordo che i soloni dell’economia; sono tutte chiacchiere devastanti: di sicuro per qualcuno il ritorno dell’inflazione non sarà certo un problema, anzi troverà il modo di guadagnare ancora di più, ma per tutti gli altri per i quali le entrate saranno sempre le stesse, ma i prezzi e le tariffe aumenteranno più o meno regolarmente, mi dite per quale idiozia di motivazione si dovrebbe essere contenti del cambio di tendenza?
    Il bilancio familiare è molto semplice, è una differenza tra entrate ed uscite: se quest’ultime aumentano perché aumentano i prezzi, per non andare in rosso si dovranno eliminare ulteriormente alcune spese. O no?
    Qualche “esperto” riesce a dimostrarmi il contrario? Se si, gli accredito subito il mio stipendio, lo pago anche e gli faccio amministrare il mio bilancio familiare.

  2. Mi riferisco alla giusta risposta di cui sopra: noi sub-cittadini italiani siamo una fonte inesauribile della bella vita che facciamo fare a questi SPORCHI POLITICI che Voi avete votati e che continuate a votare credendo ai buffoni e parolai di turno. Ecco perchè il neo Presidente dell’INPS ha partorito la proposta di dimezzare le pensioni ai più tartassati del popolo che stremati dalle tasse e ridotti sul lastrico per il continuo
    assottigliarsi della nostra misera pensione pensiamo di lasciare l’Italia per tentare di “”””vivere””” in un Paese dove
    vige più rispetto e considerazione per persone che con il loro sudore hanno assicurato pensioni d’oro ai nostri LADRI POLITICI. Uno per tutti il SUPER LADRO GALAN che ci informa che voleva suicidarsi. A proposito vorrei conoscere la o le persone che l’hanno supplicato a desistere da tale proposito. E ci mancava anche la Lorenzin di turno che minaccia i Medici se si permettono di alleviare i nostri dolori. Io ne ho ancora per poco ma non invidio certamente questi poveri giovani che devono sopportare ( e mantenere) questa sporca classe dirigente ( salvadone qualcuno che io in 80 anni non ho ricordo che sia esistito).

  3. …d’altra parte viste le accise che abbiamo sulla benzina…anche sulla luce e sul gas non si poteva mica stare indietro, no? In più visto che le materie prime (petrolio in testa ) stanno calando non potevano mica lasciarci la possibilità di risparmiare un pochino: avremmo rischiato di “rilassarci” troppo.
    Evvai un’altra stangata in questo paese penoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.