Cerca
Close this search box.

Rate dei prestiti sospese per sei mesi, Adico plaude all’iniziativa di Assofin. Garofolini: “ora niente paletti per chi è in difficoltà”

E’ il cruccio di molte famiglie in questo difficilissimo momento di emergenza sanitaria ed economica: come posso pagare la rata mensile alla finanziaria se il mio stipendio si è ridotto (se non annullato) a causa del CoronaVirus? Una domanda che ci è stata posta da molte persone in questi giorni – consumatori che si sono impegnati per acquisti di vario genere, come auto, mobili, elettrodomestici – e che ora trova una risposta soddisfacente da parte dell’Assofin, associazione che raduna le maggiori finanziarie italiane. I cittadini in difficoltà, infatti, potranno chiedere la sospensione per sei mesi del pagamento delle rate in relazione a prestiti superiori ai mille euro. Una decisione “quasi obbligata – secondo il presidente dell’Adico, Carlo Garofolini – dato che in ogni caso molte persone non sarebbero state in grado di onorare il pagamento. Ma che va comunque vista con grande favore anche perché frutto delle pressioni da parte delle associazioni dei consumatori. Ora ci auguriamo che aderiscano tutte le finanziarie, pure quelle non associate, e che non vengano posti troppi paletti (se non dinieghi) ai clienti che davvero necessitano del provvedimenmti”

La sospensione è riservata a:

  • Chi ha perso o perderà il lavoro subordinato dal 21 febbraio 2020 al 30 giugno 2020. Attenzione: sono fuori i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo soggettivo, risoluzioni consensuali o dimissioni;
  • Chi ha perso un lavoro “atipico” (anche qui, restano fuori le dimissioni e il recesso datoriale per giusta causa);
  • Chi si è visto ridurre o sospendere l’orario di lavoro per almeno 30 giorni (la cassa integrazione o altri ammortizzatori sociali);
  • I professionisti che, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, hanno registrato una perdita del fatturato superiore al 33% rispetto all’ultimo trimestre del 2019 a causa di chiusure o sospensioni dell’attività dovute alle restrizioni imposte per limitare il contagio da Coronavirus. La riduzione potrà essere autocertificata.
  • Gli eredi delle persone che rientrano nelle quattro categorie, nel frattempo decedute, e che non avevano stipulato alcuna polizza da protezione del credito.

Chi ha saltato una o due rate potrà comunque accedere alla sospensione. L’importante è non trovarsi in una situazione talmente compromessa da essere classificata in “default” o “forborne”, vale a dire un finanziamento che, in seguito a un default, è stato rinegoziato.

2 Responses

  1. Buongiorno sono una piccola p.iva che non ha reddito da febbraio e ho 1 finanziamento Agos ma l avevo richiesto 2 anni fa che ero dipendente
    Agos fino alla scorsa settimana mi diceva che non era possibile
    Come si richiede e soprattutto agos è tra le finanziarie che hanno aderito ?

    1. SAlve signora, intanto le confermo che Agos fa parte di Assofin. Per la richiesta di sospensione deve contattare direttamente la finanziaria. Se dovesse avere problemi non esiti a contattarci allo 041-5349637, dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-18.30.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post recenti

Newsletter Adico

Iscriviti subito alla nostra newsletter, riceverai notizie e informazioni sulle nostre attività!




Con l'iscrizione dai il consenso al trattamento dei tuoi dati personali! Prima di inviare e acconsentire prendi visione dell'informativa sul trattamento dei dati nella sezione privacy policy*

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.